martedì 15 febbraio 2011

L'uomo scomparso

L'UOMO SCOMPARSO
di Jeffery Deaver


"Benvenuti al nostro spettacolo. Ciò che sarete assolutamente convinti di vedere potrebbe non esistere affatto. Ciò che sembra sicuro potrebbe essere mortale. Non dovreste fidarvi di nessuno. Proprio di nessuno. Ora il sipario si alza. E il nostro spettacolo ha inizio..."

Trama: La Manhattan School of Music and Performing Arts è una prestigiosa scuola di musica nell'Upper West Side di New York, ma quella mattina non era altro che lo scenario di un terribile omicidio. La polizia, accorsa in forze, bracca l'assassino che si barrica in un'aula, apparentemente senza via di uscita. Sembra in trappola, senza vie di fuga, ma quando gli agenti fanno irruzione nella stanza non vi trovano nessuno, come se il fuggitivo si fosse volatilizzato. Da questo momento inizia una caccia senza sosta per riuscire a fermare la follia omicida di questo criminale che si fa chiamare "Negromante". Per riuscire in questa ardua impresa la polizia si avvalerà del prezioso aiuto del criminologo Lincoln Rhyme e della sua inseparabile assistente Amelia Sachs.

Giudizio personale: Lessi questo avvincente romanzo diversi anni fa, ma ci tenevo comunque a farne la recensione perché a mio avviso è un eccellente esempio di thriller, anzi, mi azzardo a dire che questo sia in assoluto uno dei migliori thriller che abbia letto. La storia è un continuo susseguirsi di colpi di scena e capovolgimenti di fronte, e mai come in questo caso quello che appare non è mai come sembra. Il misterioso mondo della magia e dell'illusionismo, sul cui sfondo si muovono le indagine, rende il tutto ancora più intrigante e di difficile soluzione. Fino all'ultimo infatti riuscire ad identificare l'assassino è praticamente impossibile, o almeno lo è stato per me (e, non per vantarmi, ma sono abbastanza brava a capire chi sia il colpevole). Sempre a proposito di illusionismo, ho trovato molto interessanti le parti in cui Kara, giovane aspirante illusionista che aiuta Rhyme nelle indagini, spiega i trucchi del mestiere e ne racconta le origini con frequenti riferimenti ai grandi maghi come Houdini. Lo stile di Deaver è come sempre impeccabile: semplice ma insuperabile, vi renderà impossibile staccare gli occhi dalle pagine. Un mix perfetto di adrenalina, suspense, mistero e fantastici trucchi magici.
Voto: 9

Titolo originale: The Vanished Man

Traduzione: Maura Parolini, Matteo Curtoni

Edizione: Bur

Collana: Best Seller

Pagine: 464

Prezzo: 7,90 €

Anno: 2003

Codice ISBN: 988-88-1702-288-0



7 commenti:

  1. Un thriller fatto bene si legge sempre volentieri. Ci faccio un pensierino...

    RispondiElimina
  2. proprio ora ne sto leggendo un altro di Deaver, "la bambola che dorme", ma senza Lincoln Rhymes... sempre piacevolissimi i suoi thriller, ma la sua nuova detective Kathryn Dance non è intrigante quanto la coppia Lincoln/Amelia :-)

    RispondiElimina
  3. @Clau: hai ragione, la coppia Lincoln/Amelia è imbattibile, però anche Kathryn Dance non mi dispiace, la trovo interessante...e poi ha anticipato il personaggio di Lightman nel telefilm "Lie to me". Ogni tanto farebbe comodo conoscere qualcuno che smaschera i bugiardi così :-)

    RispondiElimina
  4. io credo che se avessi l'abilità della Dance non dormirei la notte, vedrei sospetti bugiardi ovunque!
    l'ultimo di faletti non l'ho ancora letto, ma mia sorella è una sua grande fan e non se ne perde uno, mi farò prestare anche questo prima o poi :-)

    RispondiElimina
  5. Non leggo un bel thriller da molto tempo. Problema della pila di libri in attesa a parte (vedi qualche commento fa, in un altro tuo post... - scusa ancora...), questo mi "sconfinfera" anche perché Deaver (mi vergogno molto a confessarlo) non l'ho ancora letto. Bene, potrei cominciare da qui.

    RispondiElimina
  6. hello Nicky,
    ma sai che non so se l'ho letto!?
    E' il colmo vero? Il fatto è che ne leggo talmente tanti.....
    Ma dalla trama e la parola Negromante, mi sembra di si.
    Comunque Deaver mi piace un sacco!
    Un abbraccio
    °SUSY°

    RispondiElimina
  7. Di Deaver ho letto solo "Pietà per gli insonni" e devo dire che mi ha convinta. Scritto bene, approfondimento psicologico dei personaggi, trama avvincente e per nulla scontata.

    RispondiElimina

Italian Blogs for Darfur

Segui lo Shelf!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...