giovedì 29 aprile 2010

La notte eterna del coniglio

LA NOTTE ETERNA DEL CONIGLIO
di Giacomo Gardumi


"Un romanzo allucinato, claustrofobico, incalzante, una spirale di terrore e delirio che trascinerà il lettore verso lo sconvolgente finale."

Trama: A causa delle crescenti tensioni fra Usa e Cina, il mondo precipita in una spirale di violenza che porterà alla guerra nucleare. Solo poche persone sopravvivono, rinchiuse per un caso fortuito, o forse è meglio dire per la lungimiranza di uno di loro, in 4 diversi bunker anti-atomici, in California. Ancora scossi dal disastro appena conclusosi, e nella quasi assoluta certezza di essere rimasti gli ultimi esseri umani sulla faccia della terra, i protagonisti del romanzo cercano di affrontare la paura, il senso di solitudine e di ritrovare la speranza. Un giorno però accade qualcosa di strano: gli abitanti di un rifugio sentono bussare all'imponente porta blindata. Un senso di curiosità misto a terrore li pervade. Chi sarà? Qualcun'altro è davvero sopravvissuto alla fine del mondo? Da questo momento una scia infinita di sangue e orrore perseguiterà i pochi superstiti dell'olocausto nucleare.

Giudizio personale: Mi sono accorta, curiosando fra le varie recensioni su aNobii, che questo libro o lo ami o lo odi, non ho trovato mezze misure. Per me sostanzialmente il romanzo può essere suddiviso in tre parti: la prima parte è lenta e un po' noiosa, farcita da dialoghi improbabili e da subito mi è risultato abbastanza chiaro il meccanismo della storia e l'identità dell'assassino. Nella seconda parte invece, il ritmo diventa incalzante, la suspense sale e coinvolge il lettore. I dubbi e gli interrogativi si moltiplicano, tanto che quello che prima mi sembrava lapalissiano diventa un punto interrogativo. Sul più bello però, quando la tensione è alle stelle tutta la struttura della storia crolla come un castello di carte alla prima folata di vento. E il finale si rivela essere esattamente come lo avevo immaginato più o meno a pagina 120! E' un peccato, perché l'idea alla base del romanzo, ossia quella di approfondire il breve racconto "L'ultimo uomo rimasto sulla terra è solo in una stanza. Qualcuno bussa alla porta." è secondo me ottima. La parte centrale del libro poi è sviluppata benissimo, tanto che la tensione mi aveva coinvolto moltissimo. Questo basta a fargli guadagnare la sufficienza. Ultima pecca: le ultime 30 inutili pagine di spiegazioni e chiarimenti per cose che erano già quanto mai chiare.
Voto: 6,5

Citazione: "La morte non è una ragione o una spiegazione, è solo un'etichetta male incollata su uno scandalo inconcepibile, su una beffa sadica che non ha autore ma solo vittime."

Edizione: Marsilio


Collana: Tascabili

Pagine: 417

Prezzo: 9,50 €

Anno: 2006


Codice ISBN: 978-88-317-9039-0



Nessun commento:

Posta un commento

Italian Blogs for Darfur

Segui lo Shelf!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...