mercoledì 12 febbraio 2014

Misery di Stephen King


Titolo: Misery
Autore: Stephen King
Titolo Originale: Misery
Traduzione: Tullio Dobner
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Super Best Seller
Pagine: 383
Prezzo: 9,90 €
Formato: brossura
Anno 1ª edizione originale: 1987
Anno 1ª edizione italiana: 1988
Genere: Thriller
Codice ISBN: 978-88-6061-589-3

Trama: Paul Sheldon, un celebre scrittore, viene sequestrato in una casa isolata del Colorado da una sua fanatica ammiratrice. Affetta da gravi turbe psichiche, la donna non gli perdona di avere «eliminato» Misery, il suo personaggio preferito, e gli impone, tra terribili sevizie, di «resuscitarla» in un nuovo romanzo. Paul non ha scelta, pur rendendosi conto che in certi casi la salvezza può essere peggio della morte… Un capolavoro dell'horror, un incubo raccapricciante che solo Stephen King poteva concepire.
(dalla quarta di copertina)

Giudizio personale: La mia relazione con Stephen King è iniziata da relativamente poco tempo, o meglio, è di quelle relazioni che iniziano lentamente, prendendosi da lontano, un passetto alla volta. Ma passo dopo passo diventa intensa e senza fine.
Lessi il mio primo King da adolescente, era Il miglio verde e me ne innamorai. Ancora oggi è uno dei miei romanzi preferiti. Qualche anno fa è stata la volta di The Dome che, nonostante un finale non proprio brillantissimo, mi piacque molto. Ma le sue opere migliori mi mancavano ancora, benché popolassero le librerie di casa già da diverso tempo. Il problema, in parte, è che io sono un po' fifona, adoro i gialli e i thriller (e questo si era capito) ma quando il genere tende all'horror mi tiro indietro perché lo so che poi non ci dormo. Morale della favola: ho rimandato la lettura di questo libro per anni, finché non mi sono fatta coraggio e l'ho iniziato…e ovviamente l'ho trovato strepitoso!
La trama ha tutti gli ingredienti per il thriller perfetto: uno scrittore famoso, Paul Sheldon, è vittima di un terribile incidente stradale. In fin di vita, viene "soccorso" dall'infermiera Annie Wilkes che però, dopo averlo salvato, lo segrega letteralmente in casa sua. Annie è un'ammiratrice di Sheldon e dei suoi romanzi, e non accetta che la sua amatissima Misery, protagonista di suddetti romanzi, sia morta. Costringe quindi Paul, tra sevizie e torture, a scrivere un nuovo libro con il quale resuscitarla. Ed è qui che esce il genio di King, perché lui riesce a conciliare meravigliosamente il terrore e la tensione della clausura forzata, con l'aspettativa curiosa e ansiosa per questa nuova opera di Sheldon. 
Il lettore assiste quindi alla nascita di questo nuovo romanzo: come Paul trova l'ispirazione, quali sono i meccanismi che lo portano a determinate scelte narrative, l'intensa e travolgente passione con cui vive la scrittura nonostante il contesto traumatico. Egli infatti è diviso tra due forze potentissime: da una parte ci sono Annie e la sua pazzia, dalla quale vorrebbe scappare il più lontano possibile ponendo così fine al supplizio quotidiano. Dall'altra c'è l'egocentrismo dello scrittore che lo travolge con la stessa intensità di Annie e lo porta ad amare questa sua nuova creatura e a volerne vedere la conclusione. Così c'è il Paul che cerca possibili vie di fuga e di sopravvivenza, e il Paul della macchina da scrivere e del manoscritto al quale ormai non può, e non vuole, più rinunciare. 
In tutto questo i personaggi sono descritti molto accuratamente, come del resto è tipico del "Re": tratteggiati e definiti alla perfezione, pare quasi di conoscerli. Annie non è soltanto un'ex infermiera pazza: è una donna maniacale nelle sue ossessioni, volubile nelle emozioni e meticolosa nell'assicurarsi che le cose vadano come vuole lei. È forte, violenta e irascibile con tendenze alla depressione, ma non è una stupida, tutt'altro. C'è persino una parte di lei che affascina Paul: la sua passione per la lettura, infatti, non è fine a se stessa. Lei non è, come può sembrare in principio, una semplice ammiratrice fanatica. Lei è preparata e con uno spirito critico ben sviluppato. Ed è più acuta di quanto sembri, quindi puoi provare a fregarla, ma non ci riuscirai. Questo suo lato, del tutto inaspettato, in un certo senso attrae Sheldon e gli offre nuovi stimoli per la stesura del romanzo. Anche il personaggio di Paul è molto articolato. In lui si alternano varie fasi: il terrore puro, la speranza (poca in verità), la creatività e la rinnovata passione per un personaggio prima detestato, infine la rassegnazione. Lui è quello che trova il coraggio di tentare l'evasione, ma è anche quello spaventato a tal punto da non riuscire a gridare quando potrebbe avere qualche possibilità. È quello che odia profondamente Annie e sogna di riuscire ad ucciderla ed è, contemporaneamente, quello che prova anche compassione per lei. Questo è il bello dei personaggi di King, la loro concretezza, le loro mille sfaccettature che li rendono tangibili.
L'intreccio è perfetto. Si parte piano, quasi dolcemente, con il risveglio del protagonista dal suo stato semicomatoso. Il dolore intenso delle sue ferite è attenuato dalle pillole che gli vengono somministrate, e questo andare e venire delle sue sofferenze è descritto grazie a un paragone azzeccatissimo: quello della marea che sale e scende. Grazie a questa metafora, il lettore è letteralmente preso dal romanzo, travolto da questa marea che va e viene, e insieme a lei arriva la paura. Man mano che la trama si evolve, infatti, la paura cresce, cresce la tensione e cresce l'ansia (io mi sono ritrovata in più occasioni tesa come una corda di violino). E più si procede nella lettura, più questa tensione aumenta vertiginosamente e sei talmente preso dalla romanzo che anche se sai quello che sta per accadere e vorresti smettere di leggere per evitare le scene forti (ce ne sono un paio da togliere il fiato) non puoi staccarti da quelle pagine. È letteralmente impossibile. È un vortice di emozioni del quale non puoi fare a meno, anche se sei una paurosa come me. E vale davvero la pena arrivare all'epilogo (la penultima pagina mi ha lasciata senza parole).
Questo non è un thriller. Questo è IL thriller!
Voto: 10

Citazione: "Quando ci lascia una persona speciale, una persona specialmente cara a tutti noi, troviamo difficile accettarlo, così può accadere che immaginiamo che non ci abbia veramente lasciati."

Colonna sonora: Waltz di Craig Armstrong
Consigliato: agli amanti del genere e ovviamente a che non è facilmente impressionabile (alcuni passaggi possono essere un po' forti)

Buona lettura!

2 commenti:

  1. Mi sento di condividere completamente la tua ottima recensione.. Il Thriller.. Vero.. Ho amato moltissimo anche Dolores Claiborne, da cui è stato tratto un bellissimo film, incredibilmente recitato da Kate Bates, che, guarda un po, torna anche nella versione cinematografica di Misery..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Dolores Claiborne è un altro romanzo che manca al mio appello. Credo rimedierò presto :-)

      Elimina

Italian Blogs for Darfur

Segui lo Shelf!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...